Get Adobe Flash player

L'autore

 
Vincenzo Caprioli è nato Trento nel 1952. Biologo e psicologo, con questa sua duplice competenza ha particolarmente approfondito il tema dei rapporti tra la cultura occidentale odierna e l'ambiente.
 
Da oltre vent'anni esercita attività di psicoterapeuta in Pavia e Monza.
 
Tra articoli specialistici, brevetti, saggi brevi ha prodotto circa 70 opere che spaziano dalla biologia specialistica alla psicologia applicata, alla riflessione scientifico-filosofica. Tra le pubblicazioni spiccano: un articolo su "Transplantation" del 1977 che contribuisce a chiarire le capacità antitumorali del sistema immunitario, otto brevetti a carattere biochimico estesi da Montedison nei maggiori paesi del mondo, il volume "Teoria e prassi della nuova ipnosi" ed. La Goliardica Pavese del 1988, il lavoro "Riabilitazione visiva su base psico-fisiologica" frutto di collaborazione poliennale su ampia casistica con l'oculista Flavia Zonta e presentato al convegno SIMP del 1993 a Firenze.
 
Vincenzo Caprioli è stato professore a contratto presso il Dipartimento di Biologia Animale dell'Università di Pavia, ha insegnato nei corsi post-universitari per medici e psicologi dell'Associazione Italiana per la Ricerca e l'Aggiornamento Scientifico di Padova, è soprattutto conosciuto per i suoi studi sulla comunicazione ed in particolare sulla suggestione ipnotica e l'ipnositerapia. In questo ruolo ha partecipato come ospite a varie trasmissioni televisive su circuiti nazionali, ha rilasciato interviste a quotidiani, periodici e scritto un centinaio di articoli divulgativi.
 
Nel 1996 ha fondato L'Associazione T.A.B.U. (Tutela Ambiente Biologico Universale) con la quale intendeva realizzare un osservatorio multidisciplinare che, oltre ad assumere concrete iniziative di tutela, servisse a proporre un nuovo concetto di civiltà a partire dall'emergenza ambientale. Aderiscono all'iniziativa personaggi del mondo scientifico, tra cui il biochimico Guido Cimino, l'antropologo Giuseppe Ambrosini, l'ecotossicologo Davide Calamarie lo storico Mauro Zonta.
rotate.gif
Sondaggi
Soprattutto per quale motivo si vogliono ancora realizzare "grandi opere" in un territorio saturo?